#carrèdartistes #Roma

Carrè d'Artistes Roma- produzione sett/ott2015

Il sei novembre inaugura la nuova sede di Roma di Carrè d’Artistes.

Per questa occasione troverete  la nuova produzione di 20 opere, tra cui un nuovo personaggio che accompagnerà i miei lavori per molto tempo. Il suo nome è Sladkiy, un piccolo colbacchetto stilizzato, il piccolo protettore della testa e dell’anima. Nell’attesa che la sua mamma (un’albero secco ) si svegli, decide di intraprendere un viaggio lungo e tortuoso alla scoperta del mondo per impegnare le giornate vuote, durante il suo cammino incontrerà la Dignità, alla quale chiederà indicazioni sulla strada giusta da percorrere.

Troverete sempre lo smile, il serpente, la volpina e  la dignità con costumi nuovi.

Le radici di casa sono sempre presenti, ago e filo (come le mie nonne insegnano) e gli scarabocchi dei piccoli Marco e Francesco.

Ragionando sui miei personaggi, effettivamente sono sempre soli,  incontrano qualcuno, si soffermano  per un confronto, ma la maggior parte delle volte sono sempre soli da affrontare tutto. In equilibrio su fili,  in luoghi limbo, dove non c’è niente, ma dove tutto è faticoso. Sono deliziosamente deformi, determinati, lottatori e bisognosi di amore e sicurezza, privati dei sentimenti cercano di portarseli dietro nonostante siano rappresentati come un pesante macigno a forma di cuore distrutto.  Ho letto oggi  un articolo dove si affermava che l’egocentrismo ha preso  il sopravvento sul significato e il valore vero della parola “amore”… amore è aver cura,  è  donare, e quanti di oggi hanno il tempo di donare se stessi agli altri, di capire e immedesimarsi. Amore forse sì, è trovare “il tempo” per qualcuno, che anche se sta insieme a noi ogni giorno non vediamo più.  Scusate queste mie parole. 🙂 Adesso vi lascio ai miei quadri che spero siano di vostro gradimento.

BAM, BAM, BAM, BAAAAM! Il mito di Beethoven raccontato a fumetti. WOW SPAZIO FUMETTO, Milano

C’era una volta una bambina che amava la musica, tutti i pomeriggi ad occhi chiusi l’ascoltava nella sua cameretta immaginando storie fantastiche.

A quella bambina e al suo amore per Beethoven, Bach, Rachmaninov, Čajkovskij, Mozart, Ravel e per i Beatles, Led Zeppelin, De Andrè, Deep Purple, Bob Marley dedico questa piccola opera visiva che troverete in mostra al WOW SPazio Fumetto di Milano dal 29 novembre 2014 al 11 gennaio2015.

beethoven2beethoven3beethoven6beethoven5    beethoven4

TITOLO OPERA: Sei variazioni per Pianoforte di L. Van Beethoven, dal tema “Nel cor più non mi sento” tratta dall’opera “La Molinara” di Paisiello. 

Il tema: sorpresa! L’amore nasce e si dichiara all’improvviso.

Variazione n. 1: l’amore arriva come una tempesta e ci travolge di felicità.

Variazione n. 2: tutte le belle vibrazioni circondano il nostro corpo e la nostra anima.

Variazione n. 3: l’amore gioca con noi, ci delizia, ci sostiene, ci conforta.

Variazione n.4: l’amore ci abbandona, ci tradisce, ci distrugge.

Variazione n.5: scappiamo dall’amore perchè sappiamo che è un sentimento biricchino, che fa brutti scherzi, ma l’amore ci insegue senza tregua, si fa beffa della nostra disperata fuga.

Variazione n.6: alla fine decidiamo di non avere paura e lasciamo che l’amore ritorni a nutrire la nostra anima e chi se ne frega se poi c’è di nuovo la variazione n.4.

30×40 cm

tecnica mista su carta.