#carrèdartistes #Roma

Carrè d'Artistes Roma- produzione sett/ott2015

Il sei novembre inaugura la nuova sede di Roma di Carrè d’Artistes.

Per questa occasione troverete  la nuova produzione di 20 opere, tra cui un nuovo personaggio che accompagnerà i miei lavori per molto tempo. Il suo nome è Sladkiy, un piccolo colbacchetto stilizzato, il piccolo protettore della testa e dell’anima. Nell’attesa che la sua mamma (un’albero secco ) si svegli, decide di intraprendere un viaggio lungo e tortuoso alla scoperta del mondo per impegnare le giornate vuote, durante il suo cammino incontrerà la Dignità, alla quale chiederà indicazioni sulla strada giusta da percorrere.

Troverete sempre lo smile, il serpente, la volpina e  la dignità con costumi nuovi.

Le radici di casa sono sempre presenti, ago e filo (come le mie nonne insegnano) e gli scarabocchi dei piccoli Marco e Francesco.

Ragionando sui miei personaggi, effettivamente sono sempre soli,  incontrano qualcuno, si soffermano  per un confronto, ma la maggior parte delle volte sono sempre soli da affrontare tutto. In equilibrio su fili,  in luoghi limbo, dove non c’è niente, ma dove tutto è faticoso. Sono deliziosamente deformi, determinati, lottatori e bisognosi di amore e sicurezza, privati dei sentimenti cercano di portarseli dietro nonostante siano rappresentati come un pesante macigno a forma di cuore distrutto.  Ho letto oggi  un articolo dove si affermava che l’egocentrismo ha preso  il sopravvento sul significato e il valore vero della parola “amore”… amore è aver cura,  è  donare, e quanti di oggi hanno il tempo di donare se stessi agli altri, di capire e immedesimarsi. Amore forse sì, è trovare “il tempo” per qualcuno, che anche se sta insieme a noi ogni giorno non vediamo più.  Scusate queste mie parole. 🙂 Adesso vi lascio ai miei quadri che spero siano di vostro gradimento.

#SFATTICOSI’ #mostre collettive #ottobre #EXPO

Sfatti così

 L’apparato digerente diventa arte 

nell’anno di Expo!

 

Mentre tutta Milano parla di cibo… una singolare mostra collettiva di 12 creativi, tutti affermati artisti, fumettisti, fotografi e illustratori, racconta con ironia e provocazione l’apparato digerente inserendosi nei programmi di Fuori Expo.

SABATO 24 E DOMENICA 25 OTTOBRE 2015

INAUGURAZIONE sabato 24 ottobre ore 18.00 

SPAZIO 36

Viale Umbria, 36 – 20135 Milano
info: tel. 0236561472 – info@spazio36.com – www.spazio36.com
Orari: sabato dalle 9.00 alle 22.00 e domenica dalle 9.00 alle 18.00 – INGRESSO LIBERO

Curata da Fabiano Ambu, allestita presso lo Spazio 36 di Viale Umbria 36, sabato 24 e domenica 25 ottobre, la mostra SFATTI COSI’ è un’esposizione collettiva che unisce il mondo del fumetto, rappresentato da autori in carriera (Disney e Bonelli) dello Pseudostudio di Milano e l’arte nel segno del cibo analizzato seguendo una chiave di lettura decisamente originale e provocatoria: 12 opere di 12 artisti diversi raccontano l’apparato digerente del corpo umano immergendo il visitatore, trasformato in un microbo grazie a un adesivo speciale che gli viene applicato all’ingresso, in un avvincente viaggio all’interno del corpo umano. Come un microbo ingerito il visitatore entra dalla bocca per poi passare alla gola, all’esofago, al fegato, allo stomaco, alla cistifellea, al pancreas, al duodeno, all’intestino, al colon, al sigma, all’appendice, fino al retto, per poi essere espulsi… In mostra opere di Francesco Abrignani (Unico scarto rilevato – Il retto), Fabiano Ambu (Appendicite), Gianfranco Florio (C’è sta falla! – Cistifellea), Fabio Folla (Antropoaruspicinia – Fegato), Erika De Giglio (Storia di una vita – Sigma), Mauro Magni (Pane quotidiano – Gola), Alessandro Mazzetti (Rifiuto – Colon), Raffaele Riccioli (Digestione e cattiva digestione – Duodeno), Marina Scognamiglio (Ventre della Sanità – Intestino tenue), Chiara Tesser (Bevo, dunque sono – Pancreas), Luca Usai (On The Road – Esofago), Vorticerosa (Intolleranza – Stomaco).

 

Ecco dunque che il pubblico dovrà relazionarsi  e interagire in un percorso divertente all’interno del corpo umano, specificatamente l’apparato digerente, accompagnati da una piccolissima mascotte e dalla musica realizzate entrambe da Francesco Abrignani (disegnatore Disney). Ogni artista ha realizzato un’opera  legata ad  un organo che lo compone, esprimendo il proprio concetto di cibo per il corpo e per la mente.

 

Si parte dalla gola con l’opera “Pane quotidiano” di Mauro Magni , pittore affermato che ha recentemente realizzato “Marte–Gaza”, grande installazione pittorica nel centro storico di Viterbo ed ha esposto in Cina a Ningbo. Si prosegue con il grande ingorgo nell’esofago “ON THE ROAD” l’opera del disegnatore Disney Luca Usai e autore di Normal Man insieme al comico Lillo, più video art di Fabiano Ambu (autore Bonelli) e  Fabio Folla (insegnante di animazione digitale e computer game all’Accademia di Belle Arti di Brera). L’esposizione vuole essere un modo ludico e divertente  per ragionare sul nutrimento del corpo e dell’anima, un confronto sul significato di ogni organo come metafora della vita. 12  imponenti opere  di 1×2 metri che affascineranno, divertiranno in una location trasformata per l’occasione dalla fantasia del curatore per interpretare il grande corpo umano. Spazio 36  diretto da Daniel Patelli e Maria Prinzivalli che promuove sempre eventi legati all’arte.

Artisti Partecipanti in ordine alfabetico:

FRANCESCO ABRIGNANI / FABIANO AMBU / GIANFRANCO FLORIO/FABIO FOLLA / ERIKA DE GIGLIO / MAURO MAGNI / ALESSANDRO MAZZETTI/RAFFAELE RICCIOLI / MARINA SCOGNAMIGLIO / CHIARA TESSER / LUCA USAI / VORTICEROSA

 

 

INFO:

SPAZIO 36

Viale Umbria, 36 – 20135 Milano
info: tel. 0236561472 – info@spazio36.com – www.spazio36.com
Orari: sabato dalle 9.00 alle 22.00 e domenica dalle 9.00 alle 18.00 – INGRESSO LIBERO